www.lazzarizenari.it
www.lazzarizenari.it
giovedì 26 aprile 2018

Home

CORSO SULLA CERTIFICAZIONE PEFC PDF  | Stampa |  E-mail

pefc-pro-3_licenza  confartigianato-marcatrevigiana

LA CONFARTIGIANATO MARCA TREVIGIANA HA ORGANIZZATO UN CORSO SULLA CERTIFICAZIONE PEFC DEI PRODOTTI IN LEGNO.

  IL CORSO SI SVOLGERA' A TREVISO NEI GIORNI VENERDI' 24 MAGGIO, 06 GIUGNO E 14 GIUGNO DALLE ORE 13.30 ALLE ORE 19.30 PER UN TOTALE DI 18 ORE-

IL CORSO HA UN COSTO DI € 324,00 PIU'  IVA MA E' GRATUITO PER LE AZIENDE  SOCIE EBAV.

PER SCARICARE LA SCHEDA DI ISCRIZIONE CLICCA QUI.                                                                                                                                                                

                                               
 
 
CONVEGNO A TRENTO PER I PERITI INDUSTRIALI PDF  | Stampa |  E-mail
convegno_periti_def
 
PRIMA AZIENDA ITALIANA CERTIFICATA CE PER LA COSTRUZIONE DELLE CASE IN LEGNO /CALCESTRUZZO PDF  | Stampa |  E-mail

ce fotologo-wood-beton-biancomarcatura-ce-case

L'AZIENDA WOOD BETON HA OTTENUTO IL BENESTARE TECNICO EUROPEO (ETA) CHE LE PERMETTE DI CERTIFICARE CE IL SISTEMA COSTRUTTIVO ARIA, SI TRATTA DI UNA PARTICOLARE STRUTTURA REALIZZATA  IN LEGNO E CALCESTRUZZO  IN AZIENDA.

HOLZCERT AUSTRIA, CHE NOI RAPPRESENTIAMO IN ITALIA,  HA SEGUITO  LA WOOD BETON NELL'ITER DI CERTIFICAZIONE PORTANDOLA AL RISULTATO FINALE.


PERPER LEGGERE L'ARTICOLO CLICCA QUI

 

 
CERTIFICARE CE LE TRAVI USO FIUME DI CASTAGNO PDF  | Stampa |  E-mail
logo_Conlegno

CONLEGNO HA OTTENUTO IL BENESTARE TECNICO EUROPEO CHE PERMETTE DI MARCARE CE LE TRAVI USO FIUME DI CASTAGNO.

C'E' LA POSSIBILITA' PER TUTTE LE AZIENDE PRODUTTRICI DI QUESTO PARTICOLARE PRODOTTO DI CERTIFICARSI GRAZIE ALL'ETA DI CONLEGNO.

SARA' L'ENTE HOLZFORSCHUNG AUSTRIA, CHE NOI RAPPRESENTIAMO IN ITALIA, CHE EFFETTUERA' LE ISPEZIONI PER IL RILASCIO DEL MARCHIO CE IN QUANTO UNICO ENTE ACCREDITATO.

LE RICHIESTE DEVONO ESSERE PRESENTATE ENTRO IL14 APRILE 2013-

PER SAPERNE DI PIU' LEGGI LA NOTA INFORMATIVA CLICCA QUI

 
FIERA LEGNO & EDILIZIA PDF  | Stampa |  E-mail
LEGNO2013                                 

ANCHE QUESTA EDIZIONE DELLA FIERA LEGNO  & EDILIZA HA VISTO UN SUCCESSO DI PARTECIPAZIONE, SONO STATI 20.000 I VISITATORI PROFESSIONISTI DEL SETTORE SIA ITALIANI CHE ESTERI CHE HANNO POTUTO CONOSCERE LE 170 AZIENDE ESPOSITRICI.

MOLTA IMPORTANZA E' STATA DATA ALLA FORMAZIONE, ANCHE NOI ABBIAMO ORGANIZZATO, NELL'AMBITO DEL CONSORZIO LEGNO VENETO, MOLTI CORSI DI FORMAZIONE PER LA CLASSIFICAZIONE E CONVEGNI PER PARLARE DI LEGNO NELLE COSTRUZIONI.

LA GIORNTATA DI DOMENICA E' STATA DEDICATA ALLA "FESTA DELLA CASA IN LEGNO", UNA VISITA GUIDATA AI VARI SISTEMI COSTRUTTIVI E ALLE CARATTERISTICHE DI CIASCUNO.

UN GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO E UN ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA!.

 
LA FINESTRA IN LEGNO PDF  | Stampa |  E-mail

LEGNOWWOD

 

I dati della prima analisi comparativa LCA su tre tipologie di serramenti, promossa da LegnoFinestraItalia

QUANTO E’ VERDE LA TUA FINESTRA?

Uno studio condotto da un pool di esperti guidati dal CERT di Treviso Tecnologia presenta le dichiarazioni ambientali di prodotto, confermando tutti i plus della finestra in legno.

 Verona, 22 febbraio 2013 – Nei serramenti la finestra in legno batte alluminio e pvc tre a zero. È il risultato netto e inequivocabile dello studio comparativo sull’impatto ambientale delle tre più diffuse tipologie di materiale – legno, pvc e alluminio, appunto - utilizzate per la realizzazione di un infisso nell’arco del suo ciclo di vita. Lo studio, primo nel suo genere, è stato promosso nel 2012 dal Gruppo LegnoFinestraItalia, l’Associazione di Prodotto nata cinque anni fa su iniziativa di una quarantina di aziende – produttori e aziende di filiera - impegnate ad promuovere i valori di qualità produttiva dei serramenti in legno, vera e propria eccellenza del Made in Italy.

A realizzarlo, sul campo, il laboratorio del Cert (Centro di Certificazione e Test) di Treviso Tecnologia, che vanta una specifica esperienza tecnica nazionale nei serramenti.

Di questi risultati si discuterà, insieme ad altre importanti argomentazioni, il 16 marzo 2013 a Verona, in occasione del 1° Vertice italiano della Finestra in Legno, promosso da LegnoFinestraItalia in collaborazione con la Fiera Internazionale Legno & Edilizia. La ricerca, tra l’altro, attualizza le imminenti Direttive europee legate alla Dichiarazione Ambientale di Prodotto, che nel futuro dovranno accompagnare tutte le produzioni con specifiche informazioni al consumatore sull’impatto ambientale dei prodotti nel loro ciclo di vita.

La metodologia impiegata per la quantificazione della prestazione ambientale del servizio è stata la Valutazione del Ciclo di Vita (LCA - Life Cycle Assessement), regolata dalle norme ISO della serie 14040, che considera tutte le fasi dei processi operativi: dalla gestione delle materie prime, all’utilizzo delle diverse componenti di produzione, al trasporto, alle fasi di vita legate all’uso del prodotto, sino alle fasi di fine vita della finestra.

Lo studio ha considerato tre diversi indicatori d’impatto: GWP100 (Global Warming Potential), che comprende le emissioni di anidride carbonica (il principale gas serra) e altri gas lungo durante tutto il ciclo di vita del prodotto; Cumulative Energy Demand, indicatore analizza l’impiego delle risorse energetiche; Life Cycle Inventory, indicatore che prende in considerazione il consumo di acqua nelle diverse fasi di gestione.

Ebbene, in tutti e tre gli indicatori le performances ambientali della finestra in legno sono risultate ottimali. Per quanto riguarda le emissioni di anidride carbonica, l’infisso in legno lungo l’intero ciclo di vita - costruzione, utilizzo per cinque anni e smaltimento telaio - produce un totale di 283 kg di CO2 equivalente, a fronte dei 397 di quello in pvc, e dei 392 di quello in alluminio. Per quanto riguarda il consumo di energia, la finestra in legno registra un totale 5.290,65 MJ (megajoule) di energia, a fronte di 6.537,27 MJ di quello in pvc, e di 6.041,41 MJ di quello in alluminio. Ma è soprattutto per quanto riguarda il consumo idrico che l’infisso in legno dà il meglio di sé: meno della metà rispetto ai materiali concorrenti. Se nell’intero arco di vita della finestra in legno si consumano 2.515,35 litri di acqua, in quello dell’infisso in pvc si sale a 6.221,03 litri, superiore a quello della finestra in alluminio, che chiede 5.153,65 litri.

Sia nel caso delle emissione che del consumo di energia, l’utilizzo del legno, materiale rinnovabile, genera meno emissioni e meno consumo per la sua estrazione, trasformazione e smaltimento finale rispetto all’utilizzo di materiale di origine fossile non rinnovabile. Per quanto riguarda il più alto consumo d’acqua, è da imputarsi all’estrazione dei materiali e la loro raffinazione e/o trasformazione. Gli impatti dell’alluminio risultano leggermente più contenuti rispetto al pvc perché si è considerato l’ingresso di parte di materiale da riciclo, dati gli alti livelli di recupero esistenti in Italia e nel mondo.

Il valore di una ricerca, però, risiede anche nella sua capacità di segnare le possibili criticità. Nel caso specifico, la ricerca comparativa condotta accende un prezioso riflettore sul sistema del recupero legato al fine vita dei prodotti in legno lavorati, che nel nostro paese, rispetto ad altri materiali, risulta ancora a gestione poco organizzata, causa una mancanza di collegamento ottimale tra i diversi attori coinvolti: aziende produttrici, mondo dell’edilizia e imprese per il recupero dei rifiuti per il riciclo.

In definitiva, con i dati forniti dal Cert, conferma tutti i valori naturali della finestra in legno, una produzione nazionale di grande storia e prestigio, riconosciuta anche all’estero come un fiore all’occhiello del Made in Italy non solo da un punto di vista produttivo ed economico, ma anche ambientale, configurandosi come la soluzione ottimale in termini di impatto sulle emissioni e i consumi. Una conclusione che, dati alla mano, rovescia antiche convinzioni in merito all’impatto ambientale dell’utilizzo del legno in termini di deforestazione. Non solo, ma in un’ottica di progettazione sempre più attenta alle esigenze dell’ambiente e di un’economia sostenibile, anche alla luce dei dati della ricerca la finestra in legno rappresenta la scelta ideale per la moderna green economy.

TABELLA2TABELLA3

 Contatti Ufficio Stampa

Piergiorgio Greco

335 1709639

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


 
CORSO PER PROGETTISTI ED OPERATORI: IL TETTO IN LEGNO PDF  | Stampa |  E-mail

 

IL CONVEGNO ORGANIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA SEGHERIA DOMINI LEGNAMI HA RISCOSSO UN GRANDE SUCCESSO. 

OLTRE 150 TRA PROGETTISTI ED OPERATORI HANNO PARTECIPATO CON ENTUSIASMO PER APPRENDERE SEMPRE INFORMAZIONI NUOVE ED UTILI SULLA COSTRUZIONE DI TETTI E COPERTURE IN LEGNO.

PER LEGGERE L'ARTICOLO SUL CONGENO APPENA TRASCORSO CLICCA QUI.

LazzariZenariLEGNO2013

                                                                        TMA

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 8 di 15


Istituto Lazzari Zenari s.r.l. via 8 Aprile n 9 36053 Gambellara (VI) P.IVA 03750550240 - Cap. Soc. 10.000 Rea VI-350849

.